Sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è uno degli interventi estetici dentali più popolari perché può migliorare notevolmente l'aspetto dei denti ad un costo e con fastidi molto minori rispetto ad altre tecniche, in un tempo relativamente breve in base alla tecnica utilizzata e al risultato che si vuole raggiungere.

Il trattamento sbiancante non è una soluzione definitiva, ma va ripetuta periodicamente se si vuole mantenere un colore brillante.

Lo sbiancamento avviene grazie all’applicazione di sostanze a base di perossido di idrogeno o di carbamide sullo smalto dentale. Le procedure devono essere sempre supervisionate da un professionista del cavo orale e precedute da una seduta di igiene orale professionale.

  • SBIANCAMENTO PROFESSIONALE AMBULATORIALE:

Consiste nell’applicazione di un particolare gel ad alta percentuale di perossido di idrogeno, viene eseguito nello studio odontoiatrico con fotoattivazione per accelerare l’effetto. In questo tipo di procedura è importante isolare i denti e le gengive con apposite protezioni per evitare che il prodotto entri in contatto con i tessuti molli e possa provocare qualche ferita. Il vantaggio principale è che spesso in una sola seduta è possibile ottenere un colore dei denti più bianco.

  • SBIANCAMENTO PROFESSIONALE DOMICILIARE:

Con questo tipo di sbiancamento è possibile ottenere ottimi risultati, ma in un periodo di tempo più lungo. È necessario prendere le impronte al paziente e preparare una mascherina personalizzata che gli verrà consegnata insieme al prodotto sbiancante, che presenta però una concentrazione minore di principio attivo rispetto alla quantità somministrata nello studio dentistico. Nonostante i risultati non siano immediati, gli studi scientifici più recenti assicurano che il mantenimento del risultato a lungo termine è maggiore rispetto al trattamento ambulatoriale.

Tipologie di trattamento